• Email: info@dentalhomedottormarinucci.it
  • Address: (AQ) Viale della Croce Rossa 237/a - (RM) Tivoli, Vicolo Empolitana, 14 00019

Call Us Today! 346 972 8899

Email! info@dentalhomedottormarinucci.it

L’importanza della sedazione cosciente.

“Un giorno, quando l’infiammazione era diventata davvero fastidiosa, ho respirato tre grandi dosi di ossido nitroso. Dopo le prime quattro o cinque ispirazioni la solita emozione, e dopo pochi minuti, il dolore era stato inghiottito dal piacere.” Humphrey Davy

COME FUNZIONA IL PROTOSSIDO DI AZOTO?

La somministrazione controllata di ossigeno e protossido d’azoto per via inalatoria induce un senso di rilassatezza, riducendo la carica emotiva, la percezione del dolore e lo stato ansioso, aumentando la trattabilità del paziente e facilitando la collaborazione con il medico.

Tramite una mascherina profumata (fragola,arancia,limone…) appoggiata sul naso viene somministrata una miscela di ossigeno e protossido d’azoto. Già dopo pochi respiri inizia l’effetto sedativo, che dona una sensazione di leggerezza e rilassamento, calma e tranquillità, mentre si raggiunge la completa sedazione. Rimani sempre cosciente e padrone dei tuoi sensi, senti però il bisogno di chiudere gli occhi. Paure e tensioni si trasformano in una confortante sensazione di sicurezza.Insieme alla paura diminuisce di molto anche la sensibilità al dolore. La puntura d’anestesia in bocca, per molti pazienti un vero e proprio incubo, praticamente non viene più percepita. Anche i fastidiosi conati di vomito (per esempio durante la presa dell’impronta) ed i riflessi di deglutizione, tipici di molti pazienti ansiosi, sotto sedazione cosciente sono quasi completamente eliminati. Il dentista può scegliere l’intensità dell’effetto sedativo variando il rapporto della miscela “ossigeno – protossido d’azoto” in modo individuale. Dopo la seduta, si fa inalare ancora per circa cinque minuti dell’ossigeno puro. Facile e rapida è l’eliminazione perché l’effetto sedativo perdura solo per il tempo della somministrazione. E’ sufficiente sospendere l’inalazione per poter riprendere la propria normale attività

COME VIENE SOMMINISTRATO

L’attrezzatura utilizzata per la somministrazione è abbastanza semplice. È costituita da gas compressi in bombole e da un sistema che trasferisce il gas al paziente che deve soltanto indossare una mascherina; sono poi presenti alcuni regolatori di flusso in grado di miscelare la corretta quantità di gas. Il macchinario è  in grado di controllare secondo per secondo la temperatura e la pressione del gas in uscita e garantire quindi il corretto volume di gas somministrato. Il mix desiderato di N2O-O2 è trasportato attraverso un tubo a cui è collegata una mascherina nasale profumata (vaniglia, fragola, bubble-gum, arancia). Basta respirare normalmente!

QUALI SONO I VANTAGGI DEL PROTOSSIDO DI AZOTO?

Il protossido funziona molto rapidamente – entro 20 secondi raggiunge il cervello, e il rilassamento e la soppressione del dolore si raggiungono in 2 o 3 minuti.

La profondità della sedazione può essere modulata di continuo, permettendo all’operatore che somministra il gas di aumentare o diminuire la profondità della sedazione.

Non c’è nessun effetto “sbornia” – il gas viene eliminato dal corpo entro 3-5 minuti dopo l’interruzione della somministrazione del gas. Si può tranquillamente guidare e non c’è bisogno di essere accompagnati.

Per alcune procedure, quelle che coinvolgono le gengive piuttosto che i denti (ad esempio una detartrasi profonda), può essere possibile utilizzare il solo protossido d’azoto al posto dell’anestesia locale. N2O innalza lo saglia del dolore e ha un effetto anestetico locale sulle mucose e sui tessuti molli,  come le gengive; tuttavia, gli effetti antidolorifici variano molto da persona a persona.

La sedazione per inalazione è molto sicura. Ha pochissimi effetti collaterali e non ha effetti negativi su cuore, polmoni, fegato, reni o cervello ed è molto efficace nell’eliminare, o almeno minimizzare, il riflesso del vomito e la sensazione di dolore.

QUANDO USARLA

La si può utilizzare quotidianamente in ogni branca dell’Odontoiatria, ma soprattutto nei pazienti odontofobici.

Le branche chirurgiche in particolare si avvalgono notevolmente di tale metodologia.